Affissioni abusive elezioni 2018

Quelle che vedete sono foto delle affissioni selvagge da parte dei partiti sia sulle plance elettorali (occupando tutti gli spazi anche quelli di altri) sia in posti dove non possono proprio affiggerli e, in più, la foto della nuova segnalazione che ho fatto oggi alla polizia municipale. Ad oggi, però, l’amministrazione non ha ancora assegnato i “defissori”. Le foto provengono da tutta la provincia e il fenomeno è diffuso ovunque in barba alla legge 130/75, che ha compiuto più di 40 anni ma, sembra, nessuno conosca. A questo bisogna aggiungere la miriade di volantini messi sul parabrezza delle auto, sempre in violazione della norma. Ma la colpa si sa, non è tanto di chi affigge materialmente i manifesti, quanto di chi li commissiona. Vogliamo parlare delle cene elettorali poi? Ricordatevi bene che per queste cene non pagherete il conto all’uscita dal ristorante ma nei 5 anni seguenti.
In questi giorni, poi, candidati sempre presenti. Ma quando si doveva decidere nelle conferenze di servizi per impedire l’apertura di un inceneritore o la chiusura di un reparto ospedaliero dove erano?
In base a quanto scritto prima, considerando che la maggior parte dei candidati di destra e di sinistra sono Sindaci e VICE SINDACI di comuni della provincia magari da poco commissariati, mi chiedo e vi chiedo: – Se non sono stati in grado di amministrare una piccola città saranno in grado di amministrare una regione con 5 milioni di abitanti?-
Domanda legittima che ognuno di noi si pone e se la pone spesso. Un amico mi ha detto: molti di loro hanno armadi pieni di scheletri, voi (5 Stelle) non avete neppure gli armadi, avanti così.
Il 4 marzo utilizzate come metro di giudizio questa semplice frase: la mia vita è migliorata negli ultimi 5 anni? E votate di conseguenza, l’alternativa l’avete.

Fernando Fioramonti, candidato M5S per il consiglio regionale del Lazio 2018

Condividi